Viva lo scrub, grande amico dell’abbronzatura!

Viva lo scrub, grande amico dell’abbronzatura!

Le giornate sono ancora all’insegna degli impegni lavorativi, ma nessuno vieta di cominciare a pensare un po’ alle vacanze! Questo vuol dire anche dare spazio alla beauty routine per preparare la pelle all’abbronzatura. Cosa non deve mancare? Lo scrub corpo, ovviamente! Il suo principale vantaggio riguarda la possibilità di rimuovere le cellule morte tramite attrito fisico, grazie cioè all’azione dei microgranuli presenti nei prodotti. Lo scrub, però, si può preparare anche a casa. Ottimo a tal proposito è il mix sale e zucchero, con l’aggiunta di un olio essenziale, che può essere di avocado, ideale per le pelli secche, ma anche di jojoba, alternativa adatta praticamente a tutti. Attenzione: per evitare l’effetto rebound, lo scrub non dovrebbe essere eseguito più di due volte a settimana!

Tags: ,

Emilio Fede irriconoscibile in TV: colpa dei troppi ritocchi o del grandangolo?

Emilio Fede irriconoscibile in TV: colpa dei troppi ritocchi o del grandangolo?

In questi giorni sui social si sta parlando tantissimo di Emilio Fede. L‘ex direttore del TG4, ospite in uno dei più celebri salotti TV del week end, è apparso molto più gonfio del solito. Ovviamente sono subito partiti i rumors su presunti ritocchi, nello specifico agli zigomi. Come ha reagito il famoso giornalista? Negando tutto e puntando il dito… sul grandangolo.

Tags: , , , ,

Ecco cosa succede alla pelle durante il ciclo

Ecco cosa succede alla pelle durante il ciclo

La nostra pelle, come ben si sa, subisce fortemente le oscillazioni ormonali, soprattutto nella fase post ovulatoria, ossia i 15 giorni che precedono l’arrivo del ciclo. Capire cosa succede in quelle due settimane è importante, soprattutto per imparare a trattare l’epidermide e a mascherare le imperfezioni. La prima cosa da dire al proposito è che, nei giorni post ovulatori, aumenta la quantità di ormoni androgeni. Ciò comporta maggior stress per la pelle, che tende a incrementare la produzione di sebo. Il risultato è la comparsa di brufoli e punti neri, concentrati soprattutto sul naso e sul mento. Nella fase pre ciclo, i pori sono più visibili, dal momento che risultano ostruiti. Per affrontare queste imperfezioni è fondamentale conoscere alcuni trucchi di beauty routine, come per esempio il ricorso a creme esfolianti non oleose. Anche l’alimentazione può aiutare molto. Un consiglio utile consiste per esempio nel ridurre l’apporto di cibi contenenti olio di palma, limitando anche l’assunzione di zuccheri e latticini.

Tags: , , , ,

Ritorno in ufficio? Ecco i trattamenti consigliati al ritorno dalle vacanze estive!

Ritorno in ufficio? Ecco i trattamenti consigliati al ritorno dalle vacanze estive!

L’estate è ormai finita, ma sulla pelle possono essere rimasti dei ricordi, come la disidratazione e le macchie dovute all’esposizione solare. Ecco come rifare il carico di energia con i trattamenti consigliati al ritorno dalle vacanze estive. Al ritorno dalla vacanze, soprattutto se al mare, si può notare che la pelle è secca, in alcuni punti vi sono macchie, vi possono essere ispessimenti. Si tratta di un risultato del tutto normale dovuto da un lato all’esposizione al sole, che comunque causa un trauma per la pelle, e dall’altro al fatto che magari sono stati trascurati alcuni passaggi di bellezza quotidiana, come una pulizia della pelle costante. Per avere di nuovo una pelle luminosa si può eseguire un peeling. Questo è uno dei trattamenti consigliati al ritorno dalle vacanze perché consente di rimuovere cellule morte, impurità, sebo in eccesso grazie alla sua esfoliazione rapida. Si pratica con l’uso dell’acido glicolico, l’acido mandelico o il fenolo. Il trattamento è consigliato in caso di discromie, ispessimenti, pelle spenta, riattiva la produzione di collagene ed elastina. Il risultato è una pelle pulita, pronta a ricevere tutti i trattamenti e soprattutto luminosa.

Tags: , , , ,

Peeling: trattamenti estivi per il benessere della pelle 

Peeling: trattamenti estivi per il benessere della pelle 

In linea generale il peeling è un trattamento estetico per la rimozione delle impurità presenti nello strato superficiale della pelle. Il peeling può essere di due tipi, meccanico e chimico. Della prima categoria fanno parte i prodotti che contengono particelle leviganti e microgranuli esfolianti associati ad agenti idratanti, nutrienti ecc., mentre l’impiego di acido glicolico, mandelico o tartarico definisce la seconda famiglia di trattamenti estetici. La funzione del peeling è di asportare le cellule morte in modo più o meno incisivo. Queste terapie per la bellezza e la salute della pelle funzionano sempre, tuttavia diventano particolarmente indicate durante l’estate, sia prima che dopo un bagno di sole ed al rientro dalle vacanze. I trattamenti che aiutano la cute a ripristinare nuove cellule sono efficaci nella rimozione della melanina quando al ritorno dal mare si vuole velocizzare l’esfoliazione dello strato cutaneo superficiale, ma anche per la preparazione all’abbronzatura ed al suo mantenimento. Prima delle vacanze, dopo un bagno di sole o al rientro dal mare, i trattamenti sono consigliati sia per attivare e mantenere l’abbronzatura che per rimuove le tracce di pelle disidratata lasciate dalla melanina. Peeling di preparazione all’esposizione solare Può sembrare strano, ma è proprio sull’efficacia dell’esfoliazione che si gioca la qualità e la durata dell’abbronzatura. Togliere il primo strato di cellule morte, le tracce di smog e di prodotti cosmetici, nonchè rimuovere dalla pelle le impurità e il sebo in eccesso, oltre a rendere la cute più uniforme, la prepara ad assumere un’abbronzatura omogenea e duratura. Anche le creme solari come di conseguenza i filtri protettivi in esse contenuti, possono essere stesi alla perfezione e assorbiti meglio. In tutti i modi i trattamenti devono essere tarati in base all’età e al tipo di pelle. La parola d’ordine è rinnovare, non aggredire. Può succedere di avere ecceduto con esfoliazioni domiciliari ed allora l’esposizione al sole dovrebbe essere rimandata. Per questo è sempre meglio preferire un gommage con microgranuli abbinati ad agenti idratanti, per esfoliare senza irritare. Dai 20 fino ai 30 anni le impurità sono frequenti, dunque il peeling meccanico rispetto a quello chimico è l’ideale, da eseguire una volta al mese. Dai 30 fino ai 40 anni il peeling meccanico può essere associato all’impiego della spazzola sonica, l’azione esfoliante unita alla pulizia profonda grazie alla spazzola migliora la grana e l’aspetto della cute. Mentre è con la comparsa delle rughe che arriva il momento sottoporsi a peeling chimico, affidandosi a istituti estetici e dermatologi plastici di fiducia.

Tags: , ,

Beauty routine estiva: qualche consiglio per non sbagliare

Beauty routine estiva: qualche consiglio per non sbagliare

Quando arriva il caldo estivo è il momento di rivedere un po’ la beauty routine, aggiungendo o togliendo prodotti a seconda della situazione di partenza. Questo vale sia per il viso, sia per il corpo. Da dove partire? Dalla detersione quotidiana. Chi è abituata a utilizzare un detergente lievemente esfoliante la mattina, durante la bella stagione dovrebbe impiegarlo periodicamente e solo la sera. Il motivo è molto semplice e riguarda il fatto che, in estate, uno scrub sul primo strato epidermico rischia di rendere la pelle eccessivamente sensibile all’azione dei raggi solari. Per evitare rischi è opportuno acquistare un detergente più delicato, possibilmente a base acquosa.

Tags: , ,

Macchie solari: i migliori consigli per prevenirle

Macchie solari: i migliori consigli per prevenirle

Con l’arrivo della bella stagione si aprono settimane dedicate al relax e alla spensieratezza, durante le quali ci si concede qualche week end al mare in attesa delle ferie vere e proprie. In queste occasioni è opportuno impegnarsi per prevenire l’insorgenza di un inestetismo tanto fastidioso quanto frequente: le macchie solari.

Tags: ,

Pelle in estate: le imperfezioni che si notano di più

Pelle in estate: le imperfezioni che si notano di più

Con l’arrivo dell’estate è opportuno intensificare la cura della pelle, anche perché alcune imperfezioni risultano particolarmente visibili. Quali sono? In prima linea troviamo i brufoli. Vero è che il sole li asciuga, ma non dobbiamo dimenticare che, con i raggi UV, la pelle tende a ispessirsi e il sebo ad accumularsi nei pori, che vengono ostruiti in poco tempo. La soluzione principale in questo caso è l’alimentazione, che dovrebbe comprendere cibi a basso indice glicemico. Spazio quindi a verdure a foglia verde, frutta secca, cereali integrali. Ottimi i semi di lino, ricchi di grassi benefici omega 3.

Tags: , ,