Sanremo 2019: prima puntata all’insegna della sensualità, dei look punk (e della medicina estetica poco intelligente)

Ieri sera si sono accese le luci (mediatiche) sulla 69ma edizione del Festival di Sanremo. Come sempre, c’è tanto da scrivere sui look che hanno “sfilato” sul palco del Teatro Ariston. L’outfit della super rock Loredana Bertè, che ha sfoggiato una chioma azzurra e un abito corto, ha senza dubbio colpito. Lo stesso si può dire del look di Patty Pravo, che si è presentata sul palco con una capigliatura dread che ha scatenato i meme sui social.

Pollice verso per l’oggettivo eccesso con la medicina estetica. L’interprete di successi come Pazza Idea, che quest’anno canta in coppia con Briga (ex della scuderia di Amici), a 71 anni ha completamente snaturato il suo volto, che appare ormai caricaturale. Ribadiamo ancora una volta che, per fortuna, oggi il trend è molto lontano dall’eccesso e che la medicina estetica permette di accompagnare l’invecchiamento rispettando l’unicità di ogni viso.

Ieri sera non è mancata la sensualità, incarnata dal look provocante di Anna Tatangelo e da Paola Turci, che si è presentata con un completo bianco dal taglio maschile, per alcuni troppo somigliante a quello sfoggiato nel 2017. Poco importa: la Turci, classe 1964, ha stupito per la sua oggettiva classe.
Ormai veterana del palco di Sanremo, è apprezzata non solo per le sue canzoni ma anche per i messaggi che ha lanciato negli ultimi anni, parlando a cuore aperto dell’autostima riconquistata a fatica dopo l’incidente che le ha devastato il volto nel 1993 (le cicatrici sono ancora visibili).

Non c’è che dire: anche quest’anno la bellezza e lo stile fanno da degno contorno alla kermesse musicale. Aspettiamo di vedere cosa succederà stasera e quali altre sorprese riserverà il palco dell’Ariston!

Commenti

at 6 Febbraio 2019 18:14 Attualità, Medicina Estetica

Tags: , , , , , ,