PREVENIRE è MEGLIO CHE INVECCHIARE!

Bette Devis e Sharon Stone - entrambe a 57 anni
Bette Davis e Sharon Stone – entrambe a 57 anni

Oggi si vive più a lungo, si sa. Il tasso di mortalità nei paesi industrializzati è sceso drasticamente nel secolo scorso: se nell’era pre-industriale si viveva in media 30 anni, oggi, un uomo ha una speranza di vita di 72. In poche parole: avere 72 anni oggi è come averne avuti 30 prima della Rivoluzione Industriale. Merito della scienza con l’evoluzione tecnologica, delle condizioni igeniche in cui viviamo, del benessere, della prevenzione e molto altro ancora. Anche l’aspetto estetico ha avuto la meglio e se una donna a 50 anni, era considerata “anziana”, oggi, a confronto, sembra sua nipote. Pensiamo, per esempio, a Bette Davis e Sharon Stone, entrambe 57enni: la prima potrebbe essere la nonna della seconda. La medicina estetica, la cosmesi, il prendersi cura del proprio corpo con ginnastica e sana alimentazione, stanno facendo “miracoli”. Tutte sono più giovani, l’invecchiamento, negli ultimi vent’anni, sembra abbia fatto marcia indietro. Le star nostrane e oltreoceano sono ovviamente l’avanguardia, ma il fenomeno ha preso piede anche tra le “comuni mortali”. A chi non è capitato di guardare una foto “di mamma” alla propria età e pensare: “accidenti quanto li portava male…”?

In prima battuta dobbiamo considerare e ringraziare l’approccio mentale alla vita sociale e sessuale, che oggi hanno le donne rispetto alle cinquantenni e le sessantenni di qualche generazione fa. Un tempo si comunicava solo un’aspetto materno, non più seducente e attivo anche nell’ambito del lavoro. Un altro fattore importante che ha clamorosamente rallentato l’invecchiamento della cute delle donne, è l’uso più cauto dell’abbronzatura. Tra il ’60 e l’ ’80, se non eri abbastanza abbronzata eri una sfigata. Si usavano solari con attivatori dell’abbronzatura. Adesso abbiamo la consapevolezza che il sole fa malissimo alla pelle, la invecchia dall’interno e dagli anni ’90 le donne hanno imparato a proteggersi. La rivoluzione poi degli interventi di chirurgia estetica, dei trattamenti di medicina estetica tradizionale e rigenerativa, della sempre più evoluta cosmesi, stanno fermando il tempo.

Di questo e molto altro si parlerà giovedì 10 settembre durante un incontro aperto al pubblico dal titolo: “La pelle e l’invecchiamento del viso, dalla prevenzione al ringiovanimento. Dai trattamenti cosmetici alla medicina e chirurgia estetica”. I relatori saranno il Dott. Valerio Badiali, specialista in chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica, coordinatore scientifico di IEI e il  Dott.Urbano Urbani, medico chirurgo, specialista in chirurgia maxillo – facciale. Ad illustrare i prodotti di cosmesi sarà presente la Dott.ssa Alessandra Corcelli di Bionike Svizzera. L’appuntamento è a Lugano, sulla bellissima terrazza del ristorante Manora, dalle 17,00 alle 18,30. I posti sono limitati, consigliamo pertanto di prenotare la presenza allo 0041 919127722.

 

Commenti