Medicina estetica: chi ha paura degli eccessi di Botox?

Medicina estetica: chi ha paura degli eccessi di Botox?

Gli eccessi nel ricorso al Botox sono diventati un’immagine purtroppo quotidiana e sono ormai tanti i pazienti dei professionisti di chirurgia estetica che prediligono trattamenti naturali proprio per paura di finire sfigurati come tante dive del cinema e della televisione. Donatella Versace, Nicole Kidman, Renée Zelwegger: questi sono solo alcuni dei casi di donne famose che, con l’intenzione di fermare il tempo, hanno completamente stravolto i tratti del loro volto.

Mi rifaccio il naso con il Rinofiller, senza bisturi!

Mi rifaccio il naso con il Rinofiller, senza bisturi!

ll concetto di naso brutto è relativo. E forse non esiste neanche, perché un naso importante può conferire, talvolta, un tocco caratteristico e affascinante alla personalità di chi lo” indossa”. Insomma non si può dire se un naso sia bello o brutto. Infatti, basti pensare come alcune donne, pur avendolo per esempio grosso, a patata, irregolare, aquilino, sono considerate assolutamente belle e seducenti. Donne celebri, attrici pluripremiate, modelle strapagate: Barbra Streisand, Meryl Streep, Penelope Cruz, Gisele Bundchen, Laetizia Casta, hanno fatto del loro “difetto” un pregio in dotazione genetica.

Chirurgia estetica: mamma, figlia e ritocco

Chirurgia estetica: mamma, figlia e ritocco

Mamma e figlia che si presentano da un professionista di chirurgia estetica per chiedere il medesimo intervento: in base ai racconti di diversi medici, questa scena sta diventando sempre più comune, e rappresenta un segnale molto importante di cambiamenti sociali e di costume che hanno coinvolto soprattutto le cinquantenni.

Chirurgia estetica: il successo del day surgery

Chirurgia estetica: il successo del day surgery

Gli interventi in day hospital o day surgery costituiscono rispettivamente il 34% e il 65% della totalità delle operazioni di chirurgia estetica praticate in Italia nel 2013. Questi i principali dati diffusi da Aicpe (Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica), che ha portato il focus sugli ambulatori chirurgici, in seguito alle polemiche sorte dopo il decesso di due pazienti a Napoli e Cagliari.

Cancella le occhiaie! Oggi è possibile.

Cancella le occhiaie! Oggi è possibile.

Quasi tutti siamo insoddisfatti della nostra immagine davanti allo specchio. Purtroppo. E una delle questioni che molti proprio non sopportano, sono le occhiaie. Sono tante la cause che provocano questo inestetismo: genetica, invecchiamento, stress, cattiva alimentazione, troppo tempo davanti allo schermo del computer. Fattori diversi che producono un solo unico risultato: sguardo stanco e appesantito. Le donne sono più fortunate per la gestione di questo problema, in quanto, si sa, con un buon make up, si riesce a mascherare e migliorare tanti difetti. Per fortuna, come la tecnologia elettronica avanza e con photoshop, per esempio, siamo tutti salvi, anche quella medica estetica con i filler riassorbibili di ultima generazione ha il potere di sconfiggere le occhiaie ottenendo, in poco tempo, un aspetto più riposato. La tecnica con l’azione del filler consiste proprio nel riempire le occhiaie eliminando l’effetto panda.

Quando la chirurgia estetica non fa passare i controlli all’aeroporto

Quando la chirurgia estetica non fa passare i controlli all’aeroporto

La chirurgia estetica può non far passare i controlli all’aeroporto. Non ci credete? Fate male, perché succede. In Estremo Oriente è ormai diventato frequente che le donne che si recano in Corea del Sud per effettuare interventi di chirurgia e medicina estetica tornino nei loro Paesi (Stati limitrofi più che altro), e non vengano riconosciute ai controlli aeroportuali, venendo puntualmente rifiutate.

La vera età della tua pelle? Lo spiega il Dr Urbani sullo speciale Beauty di D di Repubblica.

La vera età della tua pelle? Lo spiega il Dr Urbani sullo speciale Beauty di D di Repubblica.

Oggi è il compleanno del Dr Urbano Urbani, TANTI AUGURI!  Medico Chirurgo, Specialista in Chirurgia Maxillo – Facciale, responsabile del reparto di medicina estetica di IEI – Istituto Estetico Italiano, è stato recentemente coinvolto dalla redazione del magazine D, del quotidiano Repubblica, per uno speciale Beauty uscito proprio sabato scorso, in cui ha ideato un quiz per scoprire la vera età della nostra pelle. Il test, estremamente interessante, traccia tre tipi di pelle in base al risultato del punteggio ottenuto. Nel primo gruppo c’è chi “Ha una pelle anagraficamente giovane, per merito di un buon corredo genetico e di uno stile di vita corretto”, spiega il Dr Urbani. Meglio però stare lontani da esposizioni solari eccessive, fumo e cattiva alimentazione, che deve essere ricca di Vitamina C. ” Fondamentale è l’idratazione, da abbinare a una crema giorno rassodante-antirughe e a una crema notte esfoliante“, consiglia Urbani.

Attrici rifatte: chi sono le insospettabili?

Attrici rifatte: chi sono le insospettabili?

Le attrici di Hollywood e non solo non hanno problemi a rivelare di aver fatto un giro dal chirurgo estetico. C’è chi però rappresenta un’eccezione, e sceglie la chirurgia estetica, senza dirlo pubblicamente, oppure optando per trattamenti davvero soft, che non stravolgono in alcun modo la naturale fisionomia del volto.

Chirurgia estetica: la prima non è sempre buona

Chirurgia estetica: la prima non è sempre buona

Buona la prima“, si dice sui set cinematografici, e in molti casi questa affermazione corrisponde a verità. Non è sempre così per la chirurgia estetica, e lo dimostra il fatto che circa il 16% degli interventi eseguiti in Italia nel corso del 2013 sia stato effettuato con lo scopo di rimediare a precedenti operazioni mal riuscite o poco soddisfacenti.

La medicina estetica per rallentare e prevenire l’invecchiamento cutaneo

La medicina estetica per rallentare e prevenire l’invecchiamento cutaneo

I risultati dei trattamenti di medicina estetica sono fatti bene quando non si vedono. Quando le labbra non si tramutano in canotti, gli zigomi in quelli di un gatto, gli occhi come quelli di una delle statue di cera di Madame Tussauds. Quando i tratti caratteristici di ognuno di noi non cambiano e le linee rimangono le stesse. Il tempo che scorre apporta cambiamenti ovviamente, ma una ruga d’espressione in più, non ci deve fare la differenza. La medicina estetica dovrebbe essere considerata come prevenzione all’invecchiamento della pelle, dovrebbe essere la normalità, come andare dal dentista ogni sei mesi a fare la pulizia dei denti. Come si assume una medicina per star meglio, come si fa sport per stare in forma, come si segue una dieta per mantenere e/o raggiungere il peso ideale, anche la medicina estetica dovrebbe essere effettuata per prendersi cura in maniera adeguata della propria cute. La medicina estetica non deve stravolgere, trasformare o traumatizzare, ma deve regalare al fenomeno fisiologico un ritmo diverso, proprio perché l’invecchiamento non si può fermare. Le fasi della nostra vita come la vecchiaia non possono essere interrotte e nemmeno vissute come eventi catastrofici, dobbiamo riuscire a viverle e accettarle nel migliore dei modi, utilizzando i mezzi che abbiamo a disposizione per renderle meno traumatiche.