Neo mamma: la duchessa Kate Middleton

Neo mamma: la duchessa Kate Middleton

Quando c’è la luna piena ci sono maggiori probabilità di partorire. Sarà solo una diceria, fatto è che nel giorno di luna piena anche la bella Kate Middleton, che aveva già finito il tempo da qualche giorno, ha partorito un bel maschietto di 3,800 kg. La motivazione scientifica di questa coincidenza non è stata ancora individuata, ma si consideri che il ciclo mestruale, quando regolare, dura 28 giorni, esattamente come il ciclo lunare…quindi una motivazione di legge “madre natura” ci sarà sicuramente.

Tags: , , , ,

KEN IN CARNE E OSSA? TROVATO.

KEN IN CARNE E OSSA? TROVATO.

Alcune settimane fa vi abbiamo parlato di una ragazza che, sottoponendosi a diversi e costosi interventi estetici, è diventata la copia vivente di Barbie, la famosa bambola della Mattel. Sapevate che esiste anche il suo corrispettivo maschile? Si chiama Justin Jedlica e ha investito circa 100mila dollari in oltre 90 operazioni chirurgiche per diventare Ken, l’immortale fidanzato di Barbie. Justin ha superato ogni record in fatto di chirurgia estetica, facendosi più del doppio delle operazioni a cui una persona normalmente si sottopone… solo il naso è stato ritoccato ben cinque volte. Fra gli interventi subiti, oltre le varie rinoplastiche, si contano l’aumento degli zigomi e delle labbra, il rimodellamento del cranio e dei glutei. Il Ken di New York, come è stato rinominato dalla stampa, ha iniziato con 13 interventi alle natiche…voleva avere un “lato b” perfetto. “Mi piace trasformare il mio corpo – dice – è divertente”. Dai glutei è poi passato al viso, al petto, ai bicipiti e ai tricipiti. Il sogno di Justin era quello di diventare una star, ma pare invece stia diventando un fenomeno da baraccone. Più che a Ken, sembra somigliare a Woody, il protagonista del cartone animato Toy Story, o peggio a tutte quelle donne che eccedono con la medicina estetica.

Tags: , , , , , ,

ATTENZIONE ALLA CHIRURGIA ESTETICA LOW COST!

ATTENZIONE ALLA CHIRURGIA ESTETICA LOW COST!

Da un’ultima notizia ANSA…in questo momento di grande crisi per le nostre tasche, si rinuncia alle vacanze, alle cene fuori, al cinema, allo shooping dei saldi, anche alla spesa, ma non si rinuncia agli interventi di chirurgia e medicina estetica. E con la spending review, questi trattamenti sono low cost, eseguiti all’estero in strutture non riconosciute o affidati al primo che si spaccia per medico specialista in medicina e chirurgia plastica. Il problema è che un terzo di queste operazioni hanno esiti e risultati negativi con implicazioni anche gravi per la salute. Questo perché le così dette “offerte speciali”, nascondono in qualche caso delle insidie per il paziente, come l’utilizzo di prodotti di qualità scadente unite a uno scarso livello di professionalità dello staff medico. Se è normale che in un momento così delicato, molti professionisti revisionino le tariffe delle prestazioni, è giusto anche far presente che ciò non deve avere ricadute sulla qualità del servizio offerto e/o dei prodotti utilizzati come le protesi, i farmaci e i dispositivi medicali.

Tags: , , , ,

DI CHE FORMA SEI?

DI CHE FORMA SEI?

Clessidra? Pera? Mela? Triangolo? Ogni donna, come del resto ogni essere umano, ha una diversa e particolare conformazione corporea che nella maggior parte dei casi cataloghiamo con termini di frutti e forme geometriche. In realtà è riduttivo richiamare i concetti di rotondità e magrezza attraverso esempi standardizzati poiché la struttura corporea è definita a seconda della localizzazione delle adiposità (ginoide, androide e uniforme), oltre che dai muscoli, dall’acqua presente nel nostro corpo e dai diametri scheletrici che portano a classificare gli individui in tre categorie: costituzione esile, costituzione media e costituzione robusta. Queste differenze possono essere influenzate oltre che da fattori genetici e ormonali (il tessuto adiposo della regione trocanterica è specificatamente regolato dagli ormoni sessuali femminili) anche da condizioni climatiche, etniche e geografiche (silhouette anglosassone/silhouette mediterranea), dalla cultura, il grado di civilizzazione e di benessere che hanno potuto influenzare nel tempo certi modelli.

Tags: , , , ,

Come vorrei somigliare a una Barbie

Come vorrei somigliare a una Barbie

Alzi la mano chi di noi donne non ha pensato almeno una volta, anche le più belle, (perché si sa, tanto non siamo mai soddisfatte):”Come vorrei somigliare a una Barbie!” Si lei! Quella che ci ha tenuto compagnia per interi pomeriggi, quella dalle curve perfette, che potevi farla abbuffare e non ingrassava mai, lei, con i capelli sempre lisci come seta, truccata alla perfezione 24h ore su 24 e con un guardaroba da far invidia a Carry di Sex and The City, la bambola più venduta al mondo dal 1959, quella che da sempre continua ad accendere polemiche e furiosi dibattiti, su quanto sia giusto o meno far crescere le bambine in compagnia di un esempio di femminilità che è pressochè irrangiungibile. “Pressocchè” diciamo, perché una in particolare, l’ucraina ventenne Valeria Lukyanova, quel sogno di bambina l’ha raggiunto, spendendo quasi un milione di euro in interventi di chirurgia plastica ed estetica. E se guardiamo cosa è diventata, non possiamo credere come non sia frutto di un programma di animazione in 3D. In realtà è una ragazza in carne ed ossa che ricorda vagamente quello che era.

Tags: , , , ,

Novità sul sito di IEI – Istituto Estetico Italiano

Novità sul sito di IEI – Istituto Estetico Italiano

Il sito di IEI – Istituto Estetico Italiano si veste di nuovo e integra nella sezioni di chirurgia e medicina estetica nuovi contenuti e soprattutto nuove immagini create ad hoc per il proprio sito.

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

SE MI LASCI, MI RIFACCIO!

SE MI LASCI, MI RIFACCIO!

Vi ricordate la macraba pellicola cinematografica satirica “La morte ti fa bella” in cui le belle attrici Marylin Streep e Goldie Hawn recitano la parte di due amiche-rivali di Beverly Hills, che ossessionate dalla paura di invecchiare,  comprano da una fattucchiera un elisir di lunga vita? Ecco, oggi qualcuno potrebbe scrivere il seguito della sceneggiatura e il bravo Robert Zemeckis potrebbe fare il regista della seconda parte della storia intitolandola “Il divorzio ti fa bella!”, ispirandosi totalmente alla realtà.

Tags: , , , ,